Medicine Vibrazionali

Nell’ambito delle medicine “naturali”, si sente spesso parlare di Medicine Vibrazionali.
Il temine sta ad indicare una categoria di “terapie naturali” che agisce secondo un concetto particolare, il principio della vibrazione.

Nell’ambito delle medicine “naturali”, si sente spesso parlare di Medicine Vibrazionali.
Il temine sta ad indicare una categoria di “terapie naturali” che agisce secondo un concetto particolare, il principio della vibrazione.

La medicina vibrazionale è una teoria di base che si propone di spiegare come è perché agiscono alcune terapie, fondate su diversi aspetti del concetto di “energia” e utilizzate da millenni, ma i cui meccanismi erano stati ricondotti solamente a dei concetti filosofici (ad es. ying/yang, energia vitale, meridiani energetici…).

Tutto in natura è composto di atomi, ma gli atomi non sono entità fisse, sono composti da elettroni che ruotano intorno ad un nucleo composto da protoni e neutroni, proprio come pianeti intorno al sole. Gli elettroni non possono separarsi dalle altre parti dell’atomo, poiché tutte le parti sono tenute insieme da un’energia molto forte. Materia ed energia non solo si compenetrano, ma si equivalgono,  proprio come aveva ipotizzato Albert Einstein che più di 70 anni fa rese nota al pubblico la famosa equazione E=mc² con cui esprimeva la sua teoria della relatività.
La formula per esteso ci dice che “Energia= massa X velocità della luce nel vuoto²”, ed il suo significato è che tutto (inclusi i nostri corpi) è fatto di energia e che essa non si può distruggere ma può solo variare di stato, esprimendo una diversa frequenza. Questa scoperta, con la sua profonda semplicità ed universalità, ha rivoluzionato il mondo della fisica e di tante altre scienze umane, eppure è stata largamente ignorata dalla moderna medicina ufficiale, terapie psicologiche incluse.

Poiché gli atomi non sono fermi ma vibrano e oscillano con maggiore o minore intensità a seconda del moto rotatorio degli elettroni, e poiché tutto in natura è composto di atomi, ne consegue che tutto vibra. Anche l’uomo vibra. Il corpo umano infatti è composto da miliardi e miliardi di atomi, che oscillano ad una certa frequenza. Queste vibrazioni multiple creano a loro volta molteplici campi di energia.
Le vibrazioni in sé non possono essere osservate, ma si possono rilevare con degli strumenti sofisticati gli effetti che queste vibrazioni producono. Così come riportano ad esempio i principi di Medicina Tradizionale Cinese, quando nasce l’uomo ha una determinata quantità di energia da spendere, energia che man mano diminuisce. Fino ad un certo punto questa diminuzione è fisiologica, ma se scende al di sotto di una certa soglia significa che il soggetto ha poca energia, o ne hanno poca alcuni organi del suo corpo, ovvero fegato, rene, cuore.
E’ questo il momento in cui compaiono i primi sintomi, segnali che qualcosa disturba la vibrazione di base. Le cause che abbassano la nostra vibrazione possono essere stimoli stressori esterni, ovvero una scorretta alimentazione, scarso esercizio fisico, inquinamento ambientale, oppure stimoli interni come pensieri ed emozioni negative che si fanno spazio nella nostra mente.

I benefici di cui Bach, ed altri dopo di lui, parlano sono ottenibili in quanto i fiori agiscono  ripristinando le giuste vibrazioni e creando armonia interiore, riconciliando i tre “sistemi” esistenti in ogni essere umano, che sono mente, corpo e spirito. Il punto di vista delle terapie vibrazionali ha quindi come fondamento l’idea che gli esseri umani sono molto più che tessuto, sangue, proteine, grassi ed acidi nucleici. L’uomo possiede anche una dimensione spirituale, che è uno degli aspetti della propria natura profonda, aspetto che non viene insegnato nelle scuole di medicina o psicologia, e neppure viene compreso dalla maggior parte dei medici. L’elemento spirituale però deve essere tenuto in considerazione se dobbiamo veramente capire salute, malattia e crescita personale.

La fisica dei quanti e gli esperimenti della fisica delle particelle ci hanno mostrato che, a livello delle particelle stesse, tutta la materia è realmente energia. Sappiamo quindi a questo punto che materia ed energia sono due diverse manifestazioni della stessa sostanza primaria di cui è fatta ogni cosa dell’universo, compresi i nostri corpi, dal corpo fisico, al corpo più sottile. Quando perciò utilizziamo il termine “vibrazione”, stiamo usando un sinonimo di “frequenza”; energia a frequenza diversa significa energia ad un diverso ritmo vibratorio. L’energia che vibra ad una frequenza molto bassa è definita materia fisica, mentre la materia sottile vibra a velocità superiore a quella della luce. Entrambe sono reali, quella sottile ha solamente un ritmo vibratorio più veloce.

Se siamo dunque esseri fatti di energia, ne segue che possiamo essere influenzati dall’energia, e per agire terapeuticamente sui nostri corpi sottili, dobbiamo somministrare energia che vibra con frequenze che vanno oltre il piano fisico. Una terapia intesa in questo senso è in grado di interagire non solo con i livelli fisico ed eterico, ma anche con i livelli più alti; se il nostro corpo fisico è soltanto energia, è facile comprendere come la nostra coscienza, costituita da tutto quello che possiamo sperimentare nella sfera fisica, emozionale, mentale e spirituale, di fatto sia energia.

E’ facile inoltre capire come la nostra coscienza, che è essa stessa energia, sia connessa con ogni cellula del nostro corpo. Quindi, ogni nostra parte sa quando facciamo qualcosa che è bene per noi, oppure no, e reagisce di conseguenza; a livello energetico una tensione o uno squilibrio nella nostra energia si trasmetterà nel corpo fisico manifestandosi sotto forma di una determinata patologia. E’ possibile dunque sostenere che ciascun sintomo è il risultato di un’energia bloccata; quando sblocchiamo l’energia, prendendo decisioni diverse o partecipando ad una guarigione, riequilibriamo l’energia, e il sintomo può scomparire.
D.ssa Elena Tigli

 

Articolo “Fondamenti delle Medicine Vibrazionali”

Post Correlati