2° sente-mente day

Perché oggi qui c’è Cristina Fino e ci sono i video di Alamar. Credo ci debba essere una sapienza che propone immagini, possibilità pensate sulla biografia e la storia di queste persone.

Bologna, 9 ottobre 2015
Letizia Espanoli, ideatrice del Sente-Mente Project, un grande progetto nazionale per guardare con occhi nuovi alla demenza, parla dei video EXPERIENCE NATURE.

Il primo elemento sul quale è fondamentale che riflettiate sempre è l’AMBIENTE.

Ma non è inteso come il nucleo superfigo costruito dall’architetto, o quello poveretto. È inteso come stimoli, soprattutto: colori, possibilità. Se i tuoi 20 anzianotti affetti da demenza sono tutti insieme nel salone,  è evidente che avrai dei disturbi del comportamento. Perché tutti e 20 tutti lì, magari senza attività, questo stimola. Se poi hai deciso che la più grande babysitter dei vecchi anche nelle case di riposo è la TV sempre accesa. La TV accesa è un innescatore di disturbi del comportamento enorme.

Perché oggi qui c’è Cristina Fino e ci sono i video di Alamar. Certo per tutta la stima e la simpatia che io posso avere per Cristina. Ma perché io credo in questa cosa, credo che le nostre televisioni debbano rimanere spente e ci debba essere una sapienza che propone immagini, possibilità pensate sulla biografia e la storia di queste persone. Quando mettiamo alcune immagini, lasciamo andare questo video, che – state fermi poi un attimo ad osservarlo – che riporta anche noi alla pace. Due, tre poltroncine, la televisione, il video che va, e tu hai creato una sosta ambientale che fa sì che la persona che ha un vagabondaggio continuo possa sedersi, riposarsi tre o quattro minuti e ripartire. E’ semplice!

[…] Oggi possiamo scegliere cose che hanno un bassissimo impatto economico e che hanno un altissimo impatto sulla qualità della vita. Questo è virare.”

Post Correlati